UmbriaEnsemble – Cappella Orsini Club

Domenica 18 Febbraio – ore 18:30 – Cappella Orsini, Roma.

“ Miroirs. Illusioni, identità e differenza ”

 

“La Musica (…) dà le ali al pensiero, uno slancio all’immaginazione” scriveva Platone
duemilacinquecento anni fa. Pensiero decisamente attuale, che invita a considerare quanto la Musica
d’Arte sia una meravigliosa opportunità per accedere agli inesauribili orizzonti dell’intelligenza
creativa, autentica benché non sempre sufficientemente riconosciuta risorsa individuale.
Oggi, come mai prima d’ora, l’ascolto della Musica – inflazionato da massicce quantità
quotidiane di proposte (e di decibel!) – è sempre più passivo, sempre meno attento e critico. E dunque la
qualità del nostro modo di ascoltare, sempre meno attivo, sarà sempre meno interessante e
coinvolgente.
Perché, allora, relegare la più pura – almeno secondo il pensiero romantico – tra le Arti a
mera decorazione del tempo? Perché non cercare una dimensione dell’ascolto che oltre a piacevole
evasione possa essere anche e soprattutto motivo di ricerca e perfezionamento individuale?
UmbriaEnsemble lancia allora una sfida, e lo fa con un partner d’eccezione, Cappella Orsini
Club, che a Roma organizza nel suo raffinato spazio contiguo a Campo de’ Fiori (l’ex Chiesa di Santa
Maria in Grotta Pinta) nel cuore della Città Eterna, una rassegna extra-ordinaria: “CA.O.S. – Caos
Oltre Svelamento”. Nelle parole del suo organizzatore, Roberto Lucifero, “CA.O.S indaga sulle
espressioni artistiche di una delle più impalpabili dimensioni della transitorietà: il bisogno di
rigenerarsi. Ritengo che questo ricominciare da zero, abolendo il tempo trascorso, richieda una
metamorfosi, una trasformazione veicolata dalla confusione delle forme ossia dal CAOS. Tutto ruota
intorno alla percezione di sé e dell’altro e su come le discipline artistiche si siano dedicate a questo
tema.”
Illusione, identità e confronto. UmbriaEnsemble sceglie il piano minimalista e l’approccio
timbrico per interpretare in Musica questo messaggio. Con una Viola e un Violoncello, due strumenti
della stessa famiglia la cui contiguità timbrica ha – almeno all’alba della loro storia – favorito una certa
interscambiabilità di repertori, ripercorre l’itinerario tra identità e differenza in un gioco di specchi
timbrici nel quale l’ascoltatore è trasportato in una dimensione nuova, puramente musicale e
disorientante rispetto alle coordinate spazio- temporali che informano la nostra realtà quotidiana. Dalle
esemplari architetture bachiane, ai moduli matematici sperimentati da Gabrielli, fino al contrappunto di
Corelli passando per l’ironia beethoveniana e le più ardite esperienze hindemithiane, l’itinerario
proposto da UmbriaEnsemble suggerisce repertori ma, soprattutto, modalità di ascolto imprevedibili.
Il tutto intessuto in un velo di ironia, perché tutto è come sembra. O forse, piuttosto, è tutto il contrario.

 

www.umbriaensemble.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Solisti di chiara fama e cameristi di alto spessore artistico che possono vantare esperienze e riconoscimenti considerevoli in ambiti linguistici classici ed innovativi.
    UmbriaEnsemble si presenta come un ensemble di alta qualità artistica e costante ricerca musicale.

    TELEFONO

    +39 075 35211

    WHATSAPP

    +39 346 722 0640

    EMAIL

    info@umbriaensemble.it

    PEC

    info@pec.umbriaensemble.it

    Newsletter